Skip to main content

È stata pubblicata sulla G.U. n. 252 del 21 Ottobre 2021 il Decreto Legge n. 146 del 21.10.2021, ribattezzato Decreto Fiscale, in vigore dal 22 ottobre 2021.

Di seguito si offre un quadro di sintesi dei principali interventi di interesse in materia di lavoro.

 

Articolo Contenuto
Articolo 8

Comma 1

Lettera a)

QUARANTENA ASSIMILATA ALLA MALATTIA ANCHE PER L’ANNO 2021

Fino al 31 dicembre 2021, i periodi che i lavoratori trascorrono in quarantena, a causa del Covid-19, con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva, sono equiparati alla malattia ai fini del trattamento economico e non sono computabili nel periodo di comporto.

Viene, così, scongiurato il rischio di scopertura per gli eventi di quarantena verificatisi nel corso del 2021 per i quali l’INPS aveva segnalato l’impossibilità di riconoscere la tutela previdenziale a suo carico per mancanza di stanziamento dei fondi necessari.

Articolo 8

Comma 1

Lettera b) e c)

RIMBORSO FORFETTARIO PER I LAVORATORI SENZA INDENNITÀ DI MALATTIA

Gli oneri relativi ai periodi di quarantena assimilata a malattia e ai periodi di assenza dal servizio assimilati a ricovero ospedaliero (lavoratori fragili) posti a carico del bilancio dello Stato sono esclusivamente quelli sostenuti:

–                     dall’INPS per le indennità a suo carico e

–                     dai datori di lavoro limitatamente ai propri lavoratori dipendenti non aventi diritto all’indennità di malattia a carico dell’Istituto.

Risulta, pertanto, esclusa la possibilità di porre a carico del bilancio dello Stato gli oneri sostenuti, per i periodi in questione, dai datori di lavoro in relazione ai lavoratori dipendenti aventi diritto all’indennità di malattia a carico dell’INPS.

Relativamente ai lavoratori dipendenti non aventi diritto all’indennità di malattia a carico dell’Istituto (esempio impiegati settore industria, impiegati settore artigiano, ecc.) i datori di lavoro del settore privato, per il periodo dal 31 gennaio 2020 fino al 31 dicembre 2021, hanno diritto a un rimborso forfettario.

Per ciascun anno solare, il rimborso è:

–                     riconosciuto al datore di lavoro una tantum per ogni singolo lavoratore,

–                     previsto solo nei casi in cui la prestazione lavorativa, durante l’evento, non possa essere svolta in modalità agile.

Il rimborso è erogato dall’INPS, per un importo pari a 600 euro per lavoratore, previa presentazione di apposita domanda telematica corredata da dichiarazione attestante i periodi interessati.

Modalità e termini di invio della domanda in oggetto saranno forniti dall’INPS.

Articolo 9 CONGEDO PARENTALE

I genitori lavoratori dipendenti, per i figli di età minore di 14 anni conviventi, hanno diritto ad uno specifico congedo a carico INPS, per il quale è riconosciuta una indennità pari al 50% della retribuzione, per tutta la durata dell’evento in caso di:

–           sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio,

–           infezione da Covid19 del figlio,

–           messa in quarantena del figlio come disposta dalla ASL competente.

Il congedo spetta anche ai genitori lavoratori iscritti in via esclusiva alla Gestione separata.

La fruizione del congedo in esame è riconosciuta alternativamente ad entrambi i genitori, ed è subordinata alla condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o altro genitore disoccupato o non lavoratore.

Il limite di età non si applica in caso di figli con disabilità in situazione di gravità accertata ai sensi della Legge n. 104/1992.

Il medesimo congedo, alle medesime condizioni, spetta anche ai genitori lavoratori dipendenti del settore privato con figli minori di età compresa tra i 14 e i 16 anni, ma in questo caso non è previsto il diritto ad alcuna indennità.

Articolo 11

Commi da 1 a 6

NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Per la Cassa Integrazione in Deroga, prevista la concessione di ulteriori 13 settimane di intervento da utilizzare nel periodo dal 01 ottobre 2021 al 31 dicembre 2021, senza il pagamento di alcun contributo addizionale.

Per il Fondo di integrazione Salariale (FIS) o per il Fondo di solidarietà del Trentino prevista la concessione di ulteriori 13 settimane di intervento da utilizzare nel periodo dal 01 ottobre 2021 al 31 dicembre 2021, senza il pagamento di alcun contributo addizionale.

Per il Fondo di solidarietà del settore artigiano, prevista la concessione di ulteriori 13 settimane di intervento da utilizzare nel periodo dal 01 ottobre 2021 al 31 dicembre 2021, senza il pagamento di alcun contributo addizionale.

Possono rientrare nei trattamenti i lavoratori in forza al 22 ottobre 2021.

Potranno accedere alle nuove settimane previste dal presente Decreto le aziende che abbiano integralmente esaurito la fruizione degli ammortizzatori sociali concessi ai sensi della precedente normativa emergenziale.

Articolo 11

Commi da 7 a 8

DIVIETO DI LICENZIAMENTO

Il blocco dei licenziamenti attualmente in corso viene esteso fino al 31 dicembre 2021, per le aziende che facciano ricorso alla cassa integrazione in deroga, del fondo di integrazione salariale, del fondo di solidarietà Trentino, e del fondo di solidarietà del settore artigiano, come previste dal presente Decreto, per i soli periodi di fruizione.

Il divieto non si applica nelle ipotesi di licenziamenti motivati:

–                     dalla cessazione definitiva dell’attività dell’impresa, conseguenti alla messa in liquidazione della società senza continuazione, anche parziale, dell’attività;

–                     dal fallimento, quando non sia previsto l’esercizio provvisorio dell’impresa, ovvero ne sia disposta la cessazione;

Articolo 13

Comma 4

Lettera d)

SOSPENSIONE DELL’ATTIVITÀ PER IL LAVORO NERO

Il decreto dispone la diminuzione dal 20% al 10% della quota di lavoratori irregolari (privi cioè di preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro) i quali, se individuati dall’Ispettorato del lavoro nell’ambito di un’ispezione, viene prevista la sospensione dell’attività d’impresa.

Il provvedimento di sospensione non trova applicazione nel caso in cui il lavoratore risulti l’unico occupato dall’impresa.

Inoltre, la sospensione dell’attività d’impresa viene altresì prevista in caso di gravi violazioni in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. Dette violazioni saranno individuate con un decreto ad hoc del Ministero del Lavoro, in attesa del quale si farà riferimento all’Allegato I, in calce alla presente circolare per comodità di consultazione.

È condizione per la revoca del provvedimento:

a)      la regolarizzazione dei lavoratori non risultanti dalle scritture o da altra documentazione obbligatoria anche sotto il profilo degli adempimenti in materia di salute e sicurezza;

b)     l’accertamento del ripristino delle regolari condizioni di lavoro nelle ipotesi di violazioni della disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro;

c)      la rimozione delle conseguenze pericolose delle violazioni;

d)     nelle ipotesi di lavoro irregolare, il pagamento di una somma aggiuntiva pari a € 2.500 fino a cinque lavoratori irregolari e pari a € 5.000 qualora siano impiegati più di cinque lavoratori irregolari;

e)      nelle ipotesi di gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, il pagamento di una somma aggiuntiva di importo pari a quanto indicato nello stesso Allegato I con riferimento a ciascuna fattispecie.

Le somme aggiuntive sono raddoppiate nelle ipotesi in cui, nei cinque anni precedenti alla adozione del provvedimento, la medesima impresa sia stata destinataria di un provvedimento di sospensione.

Su istanza di parte, fermo restando il rispetto delle condizioni previste, la revoca è altresì concessa subordinatamente al pagamento del venti per cento della somma aggiuntiva dovuta. L’importo residuo, maggiorato del cinque per cento, è versato entro sei mesi dalla data di presentazione dell’istanza di revoca. In caso di mancato versamento o di versamento parziale dell’importo residuo entro detto termine, il provvedimento di accoglimento dell’istanza di cui al presente comma costituisce titolo esecutivo per l’importo non versato.

Il datore di lavoro che non ottempera al provvedimento di sospensione è punito con l’arresto fino a sei mesi nelle ipotesi di sospensione per le violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e con l’arresto da tre a sei mesi o con l’ammenda da 2.500 a 6.400 euro nelle ipotesi di sospensione per lavoro irregolare.

 

Lo studio rimane a disposizione per tutti gli eventuali ulteriori chiarimenti sui singoli temi.

Distinti saluti

 

Allegato I

Gravi violazioni ai fini dell’adozione  del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale

 

Violazioni che espongono a rischi di carattere generale

  • Mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi;
  • Mancata elaborazione del Piano di Emergenza ed evacuazione;
  • Mancata formazione ed addestramento;
  • Mancata costituzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile;
  • Mancata elaborazione piano operativo di sicurezza (POS);

 

Violazioni che espongono al rischio di caduta dall’alto

  • Mancata fornitura del dispositivo di protezione individuale contro le cadute dall’alto;
  • Mancanza di protezioni verso il vuoto.

 

Violazioni che espongono al rischio di seppellimento

  • Mancata applicazione delle armature di sostegno, fatte salve le prescrizioni desumibili dalla relazione tecnica di consistenza del terreno.

 

Violazioni che espongono al rischio di elettrocuzione

  • Lavori in prossimità di linee elettriche in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi;
  • Presenza di conduttori nudi in tensione in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi;
  • Mancanza protezione contro i contatti diretti ed indiretti (impianto di terra, interruttore magnetotermico, interruttore differenziale).

 

Violazioni che espongono al rischio d’amianto

  • Mancata notifica all’organo di vigilanza prima dell’inizio dei lavori che possono comportare il rischio di esposizione ad amianto.
Immetti il tuo nome e la tua mail per continuare a leggere il contenuto di questo articolo
Privacy

Questo sito web è di proprietà e gestito da STP Pragma S.r.l..
Questo sito offre ai visitatori la possibilità di consultare gratuitamente gli approfondimenti contrattuali e normativi ivi pubblicati. I presenti Termini stabiliscono i termini e le condizioni in base ai quali è possibile effettuare tale consultazione. Accedendo o utilizzando la sezione Circolari del nostro sito l'utente accetta di aver letto, compreso e accettato di essere vincolato da questi Termini.
Per poter consultare gratuitamente i documenti e gli approfondimenti presenti nella presente sezione è necessario indicare il proprio nominativo ed il proprio indirizzo di posta elettronica.
Rilasciando tali dati l’utente accetta espressamente che il proprio indirizzo mail possa essere utilizzato per l’inserimento in eventuali mailing list o newsletter di carattere informativo sull’attività dello Studio, nonché per attività di verifica e profilazione sugli accessi al presente sito.
STP Pragma S.r.l. si riserva la possibilità di interrompere, anche senza preavviso, l’aggiornamento della presente sezione ovvero creare limiti per la sua consultazione. STP Pragma S.r.l. si riserva la possibilità di interrompere o sospendere in modo permanente o temporaneo l'accesso alla consultazione della presente sezione senza preavviso e responsabilità per qualsiasi motivo o senza motivo.
I contenuti dei presenti documenti sono esclusivamente riconducibili all’opinione degli autori, i quali declinano ogni responsabilità in merito ad un utilizzo improprio delle informazioni ivi contenute. È autorizzata la riproduzione per finalità non professionali o commerciali, a condizione che venga citata la fonte, che venga preventivamente acquisito il consenso di STP Pragma S.r.l. ed inviata una copia della pubblicazione all’indirizzo elettronico pragma.centralino@pragmafe.com.

INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

STP Pragma S.r.l. Sede legale: Ferrara – via U. Manfredini n. 5 – CAP 44122 P.IVA 01290460383 (in seguito, “Titolare”), in qualità di titolare del trattamento, La informa ai sensi dell’art. 13 Regolamento UE n. 2016/679 (in seguito, “GDPR”) che i Suoi dati saranno trattati con le modalità e per le finalità seguenti:

1. Oggetto del Trattamento
Il Titolare tratta i dati personali e identificativi rilasciati (nome, cognome, e-mail, in seguito “dati personali” o anche “dati”) da Lei comunicati per attività di verifica e profilazione sugli accessi al presente sito e per l’eventuale creazione di mailing list o newsletter di carattere informativo sull’attività dello Studio

2. Finalità del trattamento
I Suoi dati personali sono trattati esclusivamente per le finalità indicate al punto 1.
• senza il Suo consenso espresso (art. 24 lett. a), b), c) Codice Privacy e art. 6 lett. b), e) GDPR), per le Finalità di di verifica e profilazione sugli accessi al presente sito
• solo previo Suo specifico e distinto consenso (artt. 23 e 130 Codice Privacy e art. 7 GDPR), che per le Finalità di inserimento in eventuali mailing list o newsletter di carattere informativo sull’attività dello Studio. A tal fine Lei rilascia, iscrivendosi al presente servizio mediante fornitura di nome, cognome e indirizzo email, tale consenso.

3. Modalità di trattamento
Il trattamento dei Suoi dati personali è realizzato per mezzo delle operazioni indicate all’art. 4 Codice Privacy e all’art. 4 n. 2) GDPR e precisamente: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione dei dati. I Suoi dati personali sono sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e/o automatizzato.

PERIODO DI CONSERVAZIONE DEI DATI O CRITERI PER DETERMINARE IL PERIODO
La politica di STP Pragma S.r.l. prevede che i vostri Dati Personali vengano conservati solo per il periodo necessario a realizzare gli scopi per i quali sono stati raccolti. I Dati Personali vengono conservati per un determinato periodo di tempo dopo la fine della fornitura del servizio o per il periodo previsto da leggi e normative applicabili.

4. Accesso ai dati
I Suoi dati potranno essere resi accessibili per le finalità di cui all’art. 2.:
• al Titolare nella persona dei soli soci amministratori;
• a società terze che svolgono attività in outsourcing per conto del Titolare, nella loro qualità di responsabili esterni del trattamento.

5. Comunicazione dei dati
I Suoi dati non saranno diffusi.

7. Natura del conferimento dei dati e conseguenze del rifiuto di rispondere
Il conferimento dei dati per le finalità di cui all’art. 2 è obbligatorio. In loro assenza, non potremo garantire i Servizi di consultazione della presente sezione del sito.

8. Diritti dell’interessato
Nella Sua qualità di interessato, ha i diritti di cui all’art. 7 Codice Privacy e art. 15 GDPR e precisamente i diritti di:
• ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
• ottenere l’indicazione: a) dell’origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’art. 5, comma 2 Codice Privacy e art. 3, comma 1, GDPR; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati;
• ottenere: a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;
• opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, mediante l’uso di sistemi automatizzati di chiamata senza l’intervento di un operatore mediante e-mail e/o mediante modalità di marketing tradizionali mediante telefono e/o posta cartacea. Si fa presente che il diritto di opposizione dell’interessato, esposto al precedente punto b), per finalità di marketing diretto mediante modalità automatizzate si estende a quelle tradizionali e che comunque resta salva la possibilità per l’interessato di esercitare il diritto di opposizione anche solo in parte. Pertanto, l’interessato può decidere di ricevere solo comunicazioni mediante modalità tradizionali ovvero solo comunicazioni automatizzate oppure nessuna delle due tipologie di comunicazione.
Ove applicabili, ha altresì i diritti di cui agli artt. 16-21 GDPR (Diritto di rettifica, diritto all’oblio, diritto di limitazione di trattamento, diritto alla portabilità dei dati, diritto di opposizione), nonché il diritto di reclamo all’Autorità Garante.

9. Modalità di esercizio dei diritti
Potrà in qualsiasi momento esercitare i diritti inviando:
• tramite l’apposito strumento a norma GDPR messo a disposizione sul sito in maniera AUTOMATICA potrete gestire, avere accesso e cancellare i vostri dati.
• una e-mail all’indirizzo centralino.pragma@pragmafe.com

10. Titolare, responsabile e incaricati (ai sensi degli artt. 4 e 24 GDPR)
Il Titolare del trattamento è STP Pragma S.r.l. Sede legale: Ferrara – via U. Manfredini n. 5 – CAP 44122 P.IVA 01290460383.
L’elenco aggiornato dei responsabili e degli incaricati al trattamento è custodito presso la sede legale del Titolare del trattamento.

Accetto termini e condizioni Terms & Conditions